Cos'è l'artrosi: i suoi tipi, sintomi e metodi di trattamento

L'artrosi è una malattia degenerativa di natura distrofica, espressa in danni al tessuto cartilagineo e alle articolazioni. A circa un terzo delle persone in età avanzata viene diagnosticata questa condizione. Pertanto, vale la pena sapere quale specialista contattare e come trattare questo disturbo.

Tipi di artrosi

Il parametro in base al quale l'artrosi è suddivisa in tipi è la posizione. Sulla base di ciò, gli esperti hanno compilato la seguente classificazione della malattia:

  • Spondiloartrosi.L'artrosi spinale colpisce una o più vertebre della colonna vertebrale. La causa della spondiloartrosi è un carico eccessivamente forte su una certa parte della colonna vertebrale. La scoliosi è una causa comune di questo tipo di malattia, così come di altri disturbi della postura.
  • Artrosi uncovertebrale.L'artrosi cervicale è direttamente correlata al naturale processo di invecchiamento del corpo umano, pertanto viene diagnosticata più spesso nelle persone anziane.
  • dolore al ginocchio con artrosi del ginocchio
  • Artrosi della spalla.L'artrosi della spalla è abbastanza diffusa tra la popolazione, soprattutto negli uomini. Due terzi delle persone con diagnosi di artrosi dell'articolazione della spalla presentano deformità alle articolazioni delle mani.
  • Osteoartrosi delle mani.L'artrosi delle articolazioni interfalangee distali è un altro tipo di artrosi. La malattia è anche chiamata noduli di Heberden. Più comune nelle donne durante la menopausa.
  • Coxartrosi.L'osteoartrosi delle articolazioni dell'anca, di regola, colpisce le persone di mezza età e gli anziani. Tuttavia, se c'è displasia delle articolazioni (disturbi congeniti della struttura ossea), la malattia può essere riscontrata anche nei giovani.
  • Gonartrosi. . . L'osteoartrosi del ginocchio è uno dei tipi più comuni. La maggior parte di tutte le persone con più di 45 anni ne sono colpite. La malattia è più comune tra le donne che tra gli uomini.
  • Artrosi della caviglia.Lesioni ai piedi, sublussazioni, contusioni alle gambe e problemi simili sono i precursori di questo gruppo di malattie. Si trova tra tutte le età e categorie di popolazione.
  • Polosteoartrite primaria.La malattia di Kellgren è caratterizzata da un generale indebolimento dei legamenti, distrofia muscolare. Si verifica nelle donne durante la menopausa sullo sfondo dell'artrosi generale delle estremità.

Il meccanismo di sviluppo dell'artrosi

In uno stato normale, la cartilagine ha una superficie liscia ed è anche abbastanza flessibile. Grazie a ciò, le superfici articolari possono muoversi l'una rispetto all'altra senza difficoltà. In altre parole, una cartilagine sana fornisce il livello necessario di assorbimento degli urti e riduce il carico su ossa, muscoli, legamenti.

A causa dell'artrosi, nel tempo, la superficie della cartilagine diventa sempre più ruvida e quando le articolazioni si muovono, si verifica l'attrito. Piccole particelle iniziano a separarsi dalla cartilagine, entrando infine nella cavità articolare e nel fluido.

Inoltre, la cartilagine diventa sempre più rigida, fino all'ossificazione. Nelle zone centrali e profonde si formano cisti a diretto contatto con le articolazioni.

Pertanto, viene assicurata una lesione permanente alla capsula e alla membrana sinoviale dell'articolazione, a seguito della quale si ispessiscono. Nel tempo, si verifica una violazione della struttura delle ossa stesse: sono deformate e lungo i bordi compaiono sporgenze particolari.

L'aumento del carico sui legamenti e sui muscoli contribuisce alla comparsa di focolai di origine fibrosa. Aumenta la probabilità di danni all'apparato legamentoso-muscolare (distorsioni, lacrime, lacrime). Con una significativa distruzione della cartilagine, i movimenti sono nettamente limitati e la formazione di anchilosi è un evento frequente.

cartilagine sana e artrosi dell'articolazione del ginocchio

Cause e fattori di rischio

Le cause dell'artrosi sono varie e sfaccettate. Tuttavia, ci sono gruppi di fattori che aumentano le possibilità di contrarre la malattia:

  • età superiore al confine di 60 anni;
  • obesità e grande peso corporeo, che crea un aumento del carico sulle articolazioni;
  • inosservanza delle misure di sicurezza e delle norme sul lavoro;
  • interruzione del sistema endocrino;
  • squilibrio ormonale;
  • mancanza di vitamine e minerali nel corpo;
  • avvelenamento con alcune sostanze tossiche;
  • cattiva situazione ambientale nel luogo di residenza e di lavoro;
  • ipotermia frequente del corpo.

Artrosi primaria

L'artrosi primaria è una conseguenza che si verifica a seguito di una violazione dei processi rigenerativi, un aumento della degenerazione del tessuto cartilagineo dell'articolazione senza deviazioni concomitanti nel lavoro del corpo nel suo insieme.

Di norma, l'artrosi primaria si verifica a seguito della manifestazione di fattori ereditari:

  • Composizione della cartilagine.Una malattia genetica nella composizione del tessuto che costituisce la cartilagine, che accelera la distruzione, è un prerequisito diretto per l'artrosi. Più rapidamente viene colpita la cartilagine, maggiore è la probabilità della malattia.
  • Difetto congenito del sistema muscolo-scheletrico.Nel tempo, porta a traumi a un'area specifica del tessuto articolare cartilagineo, che, a sua volta, alla fine porta alla malattia.
  • Eredità.L'artrosi ha un'alta probabilità di essere ereditata. Se almeno uno dei genitori ha questa malattia, vale la pena prestare maggiore attenzione alle articolazioni del bambino.

Artrosi secondaria

Come già accennato, l'artrosi secondaria non si manifesta da sola, è sempre preceduta da qualche fattore:

  • Danno meccanico al giunto. Trauma, frattura ossea intra-articolare, sovraccarico costante e molti altri fattori hanno probabilità estremamente elevate di causare la malattia in seguito. Un trattamento insufficiente o assente è un fattore aggravante.
  • Chirurgia. Non è tanto l'operazione in sé quanto un errore medico che può danneggiare l'articolazione o la cartilagine.
  • Malattia articolare. L'artrosi si verifica spesso a causa del processo infiammatorio: artrite, sinovite. Leggi di più su come l'artrosi differisce dall'artrite.
  • Malattia vascolare. Molte malattie del sistema vascolare che interferiscono con l'afflusso di sangue all'articolazione possono portare all'artrosi. Il loro elenco include vene varicose, aterosclerosi, endoarterite obliterante, ecc.
  • Malattia autoimmune. Malattie come l'emocromatosi, la psoriasi, la gotta, l'artrite reumatoide e altre sono anche un prerequisito per la malattia.

L'artrosi secondaria si verifica a seguito del decorso di processi patologici o come conseguenza della parziale distruzione della superficie articolare dovuta a danni da influenze esterne.

dolore nell'artrosi dell'articolazione del gomito

La differenza tra artrosi primaria e secondaria si esprime nelle dinamiche e nei prerequisiti della malattia: nella tipologia primaria la malattia si manifesta lentamente e naturalmente, mentre per quella secondaria è richiesto un meccanismo scatenante dello sviluppo.

Sintomi

L'artrosi è accompagnata da sintomi caratteristici e riconoscibili:

  • Sensazioni dolorose.Il dolore alle articolazioni è un segno distintivo della malattia. Per l'artrosi, il dolore si verifica durante il movimento o con un forte carico sull'articolazione infiammata. Le sensazioni dolorose sono palpabili, ma sopportabili. Tuttavia, nel tempo, le manifestazioni del sintomo diventano più intense e alla fine il dolore accompagnerà il paziente anche a riposo.
  • Crunch.L'artrosi è spesso accompagnata da uno scricchiolio dell'articolazione infiammata. Il sintomo si verifica a seguito della graduale distruzione dello strato cartilagineo e del successivo attrito delle ossa. Se le articolazioni di una persona scoppiettano, questo non è ancora motivo di panico. Con l'artrosi, il crunch è abbastanza specifico: ruvido e secco. Pertanto, non dovresti fissare un appuntamento con uno specialista, a malapena sgranocchiando le articolazioni. Soprattutto se non ci sono altri sintomi.
  • Rigidità di movimento.Man mano che si sviluppa, l'artrosi limita sempre di più il movimento a causa dell'ossificazione e della distruzione della cartilagine.
  • Cambiamento nell'aspetto dell'articolazione.Uno dei sintomi di accompagnamento è la deformazione dell'articolazione infiammata. Una persona con artrosi può osservare che l'aspetto di una o più articolazioni è cambiato: ad esempio, le ginocchia che sono affilate per tutta la vita sono diventate più arrotondate.
  • Infiammazione dei tessuti molli.Tuttavia, l'artrosi può causare non solo la deformazione articolare, ma anche l'infiammazione dei tessuti molli, accompagnata dall'accumulo di liquido attorno alla cartilagine (versamento).

Fasi dell'artrosi

Il processo di sviluppo dell'artrosi comprende tre fasi:

  • Il primo stadio dell'artrosi è caratterizzato da un leggero dolore durante il movimento e da carichi leggeri sull'articolazione interessata. Tuttavia, già dalla prima fase, inizia un cambiamento nella struttura e nella composizione del tessuto cartilagineo.
  • A partire dalla seconda fase, l'articolazione stessa viene deformata e distrutta. Le manifestazioni del dolore diventano sempre più palpabili, c'è uno scricchiolio forte e distinto.
  • Lo stadio più grave dell'artrosi, il terzo, porta alla deformazione patologica dell'articolazione colpita. Visivamente, anche le articolazioni iniziano a cambiare. Nella terza fase, il paziente avverte appieno tutti i sintomi della malattia: il dolore disturba le articolazioni anche a riposo, la persona non può più eseguire i movimenti abituali e visivamente le articolazioni diventano sempre meno attraenti.

Il terzo stadio dell'artrosi porta alla completa distruzione dell'articolazione, accompagnata da neoartrosi (mobilità innaturale parziale) o addirittura completa perdita di mobilità. Di norma, alla fine del terzo stadio dell'artrosi, gli specialisti decidono un intervento radicale: l'endoprotesi dell'articolazione danneggiata.

Possibili complicazioni e conseguenze

Il trattamento inopportuno, errato (o assente) dell'artrosi può portare a una serie di conseguenze spiacevoli. Questa non è solo una completa distruzione dell'articolazione interessata, ma anche un cambiamento nella biomeccanica della colonna vertebrale, che può portare alla comparsa di ernie nei dischi intervertebrali e alla diffusione della malattia alle articolazioni sane.

Tra le principali complicanze della malattia ci sono le seguenti patologie:

  • deformazione dell'articolazione;
  • distruzione dell'articolazione;
  • violazione della biomeccanica della colonna vertebrale e di altre articolazioni;
  • dischi intervertebrali erniati;
  • l'incapacità di eseguire movimenti;
  • una diminuzione del tenore di vita del paziente;
  • diventare una persona disabile.

Specialista e diagnostica

Se trovi sintomi inerenti all'artrosi, il primo specialista che una persona deve visitare è un ortopedico. In futuro, il medico raccoglierà un'anamnesi, condurrà un esame generale e invierà il paziente per un esame, tra cui:

  • La radiografia (di solito in due proiezioni) è necessaria per rilevare segni specifici di artrosi.
  • Tomografia computerizzata (TC) per esaminare la struttura ossea dell'articolazione disturbante.
  • Risonanza magnetica per immagini (MRI), necessaria per determinare le condizioni dei tessuti molli.

Sulla base dei risultati dell'esame, l'ortopedico può prescrivere personalmente il trattamento o, se si riscontrano circostanze aggravanti, indirizzare il paziente ad altri specialisti: un reumatologo, un ematologo, un endocrinologo, un ginecologo.

Trattamento

Il trattamento dell'artrosi richiede raramente un solo metodo di terapia. Di norma, al paziente viene mostrata un'intera gamma di misure, dalla corretta alimentazione al trattamento farmacologico e alla fisioterapia. Anche i casi in cui è indicato un intervento chirurgico sono comuni.

Raccomandazioni generali

Il trattamento dell'artrosi, oltre a misure specifiche, include diverse raccomandazioni fondamentali:

  • ridurre al minimo possibile il carico sull'articolazione dolorante;
  • adesione letterale al regime stabilito dall'ortopedico;
  • dieta formulata in modo razionale e corretto, ricca di vitamine e minerali.

Droghe

Le medicine per l'artrosi sono indicate abbastanza spesso. Di norma, questi sono i seguenti tipi di farmaci:

  • Farmaci antinfiammatori.Nella fase iniziale del trattamento, i primi compiti che devono essere risolti sono l'eliminazione del dolore e dell'infiammazione. La soluzione al secondo problema prevede l'utilizzo di farmaci antinfiammatori non steroidei, che prevedono la somministrazione endovenosa e intramuscolare.
  • Corticosteroidi ormonali.I corticosteroidi di natura ormonale sono indicati nella fase di esacerbazione dell'artrosi. Molto spesso, questo gruppo di farmaci viene prescritto sotto forma di iniezioni, ma a volte ci sono cerotti, unguenti e tinture.
  • Condroprotettori.Lo scopo principale del gruppo di farmaci è ripristinare il tessuto cartilagineo e normalizzare la composizione del liquido sinoviale. Il paziente deve assumere il farmaco per molto tempo, poiché il processo di recupero richiede molto tempo. In un caso avanzato di artrosi, i farmaci potrebbero non dare l'effetto atteso.
  • Antidolorifici.In casi particolarmente gravi della malattia, può essere prescritta la somministrazione di analgesici, compresi quelli narcotici.
medicinali per il trattamento dell'artrosi

Fisioterapia

La fisioterapia viene spesso prescritta a un paziente con artrosi, specialmente in combinazione con il trattamento farmacologico. L'ortopedico seleziona una serie di esercizi che devono essere eseguiti secondo i seguenti principi:

  • Prenditi il tuo tempo.Il carico e il volume delle lezioni dovrebbero aumentare gradualmente, non c'è bisogno di affrettarsi, non importa quanto tu voglia accelerare l'inizio di un risultato positivo.
  • Senza dolore.Gli esercizi di fisioterapia non dovrebbero portare dolore. L'esercizio fisico può essere scomodo, teso e stanco, ma mai doloroso. Se il dolore è ancora presente, gli esercizi vengono eseguiti in modo errato.
  • Nessuna sovratensione.L'esercizio dovrebbe essere intenso, ma non sovraccaricare il paziente. Vale la pena ricordare che tutto va bene con moderazione.
  • Nessuna pausa.Solo un esercizio regolare può davvero giovare alle articolazioni e aiutare a superare la malattia. Le lezioni tenute una volta al mese in base al tuo umore non avranno effetto.
  • Nessuna esacerbazione.Gli esercizi dovrebbero essere eseguiti solo durante i periodi di remissione dell'artrosi.
  • Niente indulgenze.Sia le articolazioni problematiche che quelle sane dovrebbero essere caricate allo stesso modo.

Fisioterapia

La fase iniziale dell'artrosi viene solitamente trattata con farmaci. Tuttavia, in combinazione con i farmaci, viene spesso prescritta la fisioterapia che aumenta l'effetto dei farmaci. Inoltre, con questo appuntamento, è possibile ridurre il dosaggio e gli effetti collaterali dei farmaci.

Con l'artrosi, vengono mostrate le seguenti procedure:

  • Elettroforesi.Una procedura assolutamente indolore che permette al farmaco prescritto di agire localmente e in alta concentrazione, minimizzando gli effetti collaterali. Consente di alleviare rapidamente il dolore, l'infiammazione, migliorare la nutrizione articolare e contribuire a una serie di altri effetti benefici dei farmaci.
  • Esposizione agli ultrasuoni.Richiama un elenco di effetti benefici (riscaldamento, micromassaggio, migliora il flusso sanguigno capillare e il metabolismo dei tessuti). In altre parole, la fisioterapia è finalizzata al miglioramento delle condizioni del tessuto articolare e cartilagineo in generale.
  • Esposizione a un campo magnetico. La fisioterapia riduce l'infiammazione nell'articolazione danneggiata e migliora i processi metabolici in essa. L'ortopedico può prescrivere magnetoterapia generale e (o) locale, a seconda del tipo di artrosi e dello stato di salute generale del paziente.
  • Esposizione alle radiazioni.La fisioterapia è prescritta non solo nei casi in cui vi sono controindicazioni ad altri metodi fisioterapici, ma anche in aggiunta ad altri, come mezzo per accelerare il recupero.

Massaggio

Il massaggio è un modo efficace per trattare l'artrosi grazie al miglioramento della circolazione periferica nell'articolazione. Migliore è la circolazione sanguigna, migliore sarà la nutrizione delle articolazioni e della cartilagine con i nutrienti.

massaggio terapeutico per l'artrosi delle articolazioni

Con l'artrosi, vengono spesso prescritte le seguenti tecniche di massaggio:

  • Giapponese. Nel corso della tecnica giapponese, viene praticato un carico puntuale su alcune aree dell'articolazione: duro e doloroso. I carichi devono essere dosati rigorosamente, pertanto è necessario contattare un massaggiatore specializzato nella tecnologia giapponese.
  • Finlandese. La tecnica è caratterizzata dal fatto che i movimenti alla rinfusa vengono eseguiti con i pollici, che ha anche un effetto punta, ma morbido.
  • Svedese. La tecnica svedese consiste in movimenti di accarezzamento e sfregamento, nonché impastamento diretto dell'articolazione dolorante.

Lo scopo del massaggio è raggiungere i seguenti obiettivi:

  • allungare i muscoli e i legamenti che circondano l'articolazione malata;
  • liberare i muscoli dal sangue venoso;
  • rimuovere i depositi dal giunto;
  • stimolare il deflusso della linfa e del flusso sanguigno;
  • alleviare la tensione;
  • migliorare la funzione motoria dell'articolazione.

Cibo

Con l'artrosi, la carne in gelatina è considerata un piatto a corona, che dovrebbe essere nella dieta - il suo uso porta all'assunzione di gelatina nel corpo, che è così necessaria per il normale funzionamento della cartilagine. Tuttavia, sono indicati per il consumo anche altri piatti di origine animale con contenuto di cartilagine.

Inoltre, c'è un elenco di regole dietetiche che dovrebbero essere seguite dai pazienti con artrosi:

  • non mangiare strettamente di notte, poiché ciò può portare non solo ad un aumento di peso, ma anche a un attacco della malattia;
  • prova a mangiare in modo frazionato: proteine separatamente, grassi separatamente, carboidrati separatamente;
  • con un grande peso corporeo - per ridurre il peso in modo da non aggiungere carico a un'articolazione già dolorante;
  • la dieta quotidiana dovrebbe essere equilibrata, ricca di vitamine e minerali.

trattamento Spa

A seconda dello stadio dell'artrosi, al paziente possono essere mostrate procedure termali che utilizzano fanghi speciali:

  • Applicazioni di fango locale.È l'applicazione di fango curativo caldo (circa 40 gradi) sulle articolazioni colpite per 15-20 minuti. Il corso viene eseguito a giorni alterni ed è di 10-15 procedure.
  • Applicazioni generali del fango. Applicazione generale di fango caldo al corpo umano. Sono necessarie circa 10 procedure a giorni alterni.
  • Bagni di fango con acqua minerale.Immersione di una persona in un bagno specifico, costituito da fanghi curativi miscelati con acqua minerale a temperatura elevata (36-37 gradi). Il corso si svolge per analogia con le applicazioni.
  • Comprime.Impacchi di fango di varie composizioni vengono applicati alle articolazioni colpite (non più di due) per un lungo periodo di tempo (da mezz'ora). I corsi vanno da 10 a 20 procedure.

Non dovresti decidere tu stesso il trattamento termale. Prima di visitare l'istituto, assicurati di consultare uno specialista del trattamento.

Inoltre, vengono mostrate altre procedure:

  • terapia di idrocinesia;
  • trazione subacquea degli arti con sospensione di pesi;
  • massaggio vibratorio;
  • riflessologia;
  • bagni medicinali.

Chirurgia

La chirurgia viene eseguita per migliorare la mobilità articolare, nonché per rimuovere parte della cartilagine o menischi danneggiati.

La chirurgia per l'artrosi è una misura estrema, a cui si dovrebbe ricorrere solo se i metodi di trattamento conservativi non hanno portato un risultato positivo e il paziente soffre di sindrome del dolore, immobilità parziale o completa dell'articolazione.

Durante l'operazione, un frammento della cartilagine affetto da artrosi viene rimosso, viene lucidato per dare una superficie liscia, le escrescenze della cartilagine vengono rimosse e alcuni dei legamenti danneggiati vengono tagliati.

Molto spesso, viene eseguito un intervento chirurgico:

  • articolazione dell'anca - rimozione parziale della cartilagine e del tessuto osseo del femore e dell'osso pelvico;
  • articolazione del ginocchio - sostituzione della superficie articolare dell'articolazione con protesi metalliche o combinate.
protesi di ginocchio in metallo per l'artrosi

Rimedi popolari

I rimedi popolari non sono in grado di sconfiggere l'artrosi da soli, ma possono essere un ottimo adiuvante. La cosa principale è consultare un ortopedico curante prima dell'uso.

I più efficaci nella medicina tradizionale nella lotta contro le malattie sono unguenti, impacchi e bagni.

Unguenti

Affinché abbiano effetto, gli unguenti devono essere applicati con movimenti di massaggio e rimanere a lungo sulla pelle, ad esempio durante la notte.

Unguento numero 1:

  • 1 tuorlo d'uovo;
  • 1 cucchiainotrementina;
  • 1 cucchiainoaceto di mele.

Mescola bene tutti gli ingredienti.

Modalità di applicazione. L'articolazione dolorante dovrebbe essere lubrificata di notte, avvolta bene. Utilizzare tre volte a settimana.

Unguento numero 2:

  • 100 g di miele;
  • 3 g di mamma.

Mescola bene tutti gli ingredienti.

Modalità di applicazione. Applicare quotidianamente la sera per una settimana.

Comprime

Per l'artrosi, dovrebbero essere caldi e umidi. L'impacco applicato all'articolazione è coperto da una pellicola e da un panno caldo.

Comprimi n. 1:

  • acqua;
  • 1 cucchiainoolio vegetale;
  • 6 foglie di bardana.

Le foglie piegate in una pila dovrebbero essere tenute un po 'sopra una casseruola di acqua calda per la cottura a vapore.

Modalità di applicazione. L'articolazione dolorante è lubrificata con olio vegetale, avvolta in foglie, avvolta in pellicola trasparente e una sciarpa calda. Devi tenerlo per diverse ore.

Comprimi n. 2:

  • 2 gusci d'uovo;
  • 1 cucchiaio. l. kefir grasso.

Il guscio schiacciato in polvere viene mescolato con kefir per formare una pasta densa.

Modalità di applicazione. L'agente viene distribuito sull'articolazione dolorante, coperta con un panno di lino e pellicola trasparente, dopodiché l'articolazione ha bisogno di calore (ad esempio, sotto una coperta). Dopo due ore, la composizione deve essere lavata via.

Bagni

Se una grande articolazione soffre di artrosi, viene mostrato in fase di riscaldamento e un bagno è un ottimo rimedio per questo.

Bagno al sale e pino:

  • 1 chilogrammo di sale marino;
  • diversi rami di pino;
  • 3 tuberi di topinambur tritati;
  • 2 cucchiai. l. miele;
  • 1 cucchiainotrementina.

Tutti gli ingredienti vengono mescolati a bagnomaria. Un tale bagno dura fino a mezz'ora.

bagno terapeutico per l'artrosi

Non dovresti fare bagni curativi ogni giorno: l'intervallo tra le procedure dovrebbe essere di 1 giorno.

Bagno alle erbe:

  • 4 cucchiai. l. ortica;
  • 3 cucchiai. l. Erba di San Giovanni;
  • 2 cucchiai. l. calendula;
  • 3 cucchiai. l. origano;
  • 1 cucchiaio. l. cicuta;
  • 1 cucchiaio. l. radice di bardana;
  • 500 g di argilla.

Le erbe miste devono essere versate con acqua bollente e lasciate fermentare per un'ora. Trascorso il tempo si aggiunge l'argilla, si mescola bene la soluzione e si versa in un bagno caldo. Stare in bagno costa circa 20 minuti.

Misure di prevenzione

Nonostante le molte ragioni che causano la malattia, esistono anche misure efficaci progettate per proteggere una persona dall'artrosi:

  • Esercizio fisico.Un'attività fisica sana e moderata, soprattutto con l'osservanza della tecnica di esecuzione, non solo aiuterà nella lotta all'eccesso di peso, ma aumenterà anche la microcircolazione del sangue attorno alla cartilagine articolare, arricchendo così la cartilagine con i nutrienti necessari per il normale funzionamento .
  • Calorosamente.L'ipotermia delle articolazioni dovrebbe essere evitata.
  • Cibo.Una dieta corretta ed equilibrata con un apporto giornaliero di nutrienti, vitamine e minerali aiuterà le tue articolazioni a vivere una vita lunga e felice.
  • Peso normale.Mantenere un peso sano per tutta la vita riduce al minimo la probabilità di artrosi.

L'artrosi è una malattia che molte persone possono contrarre: dagli atleti (tra i quali questo è il disturbo più comune) agli amanti di uno stile di vita completamente malsano. Ma l'adozione di misure preventive, l'accesso tempestivo a un ortopedico e il rispetto di tutte le istruzioni consentono, se non escludono completamente la possibilità di ammalarsi, almeno ridurre al minimo i danni.