Trattamento dell'osteocondrosi della regione toracica

L'osteocondrosi della colonna vertebrale toracica non è parlata così spesso come l'osteocondrosi lombare o lombosacrale. Questa diagnosi è relativamente rara. Il fatto è che c'è meno carico sulla colonna vertebrale toracica e il corsetto muscolare in quest'area è molto meglio sviluppato rispetto alla parte bassa della schiena.

La diagnosi e il trattamento dell'osteocondrosi della colonna vertebrale toracica sono difficili perché i sintomi della malattia sono spesso nascosti e anche simili a quelli che si verificano con problemi cardiaci. Pertanto, la selezione corretta e tempestiva dei metodi diagnostici in questo caso è particolarmente importante.

Cos'è l'osteocondrosi toracica

L'osteocondrosi della colonna vertebrale toracica è una delle malattie degenerative dell'apparato osteocondrale del corpo. La degenerazione (invecchiamento e distruzione) inizia con la malnutrizione e la disidratazione del disco intervertebrale. I tessuti si indeboliscono, diventano più sottili, possono comparire escrescenze ossee sulle vertebre.

differenza tra un disco sano e un disco con osteocondrosi

Sotto l'influenza dello stress meccanico, la parte centrale gelatinosa del disco può penetrare attraverso la struttura libera dell'anello esterno del disco. Con lo sviluppo del processo si forma un'ernia intervertebrale.

La distanza tra le vertebre diminuisce, le radici dei nervi spinali o dei vasi sanguigni vengono pizzicate e compare un forte dolore lancinante. Il processo patologico può diffondersi ad altre parti della colonna vertebrale. Senza un trattamento tempestivo, la condizione peggiora e può portare alla disabilità.

Ragioni per l'aspetto

Curvatura delle spine (scoliosi)è una delle principali cause dell'osteocondrosi mammaria. E poiché i principali processi di formazione del tessuto osseo e cartilagineo si verificano nell'infanzia e nell'adolescenza, i prerequisiti per questa malattia degenerativa sorgono all'età di 15-16 anni.

Fattori geneticifornire il terreno sia per la scoliosi che per la stessa osteocondrosi toracica. La debolezza ereditaria di ossa, cartilagine e tessuto muscolare influisce sull'invecchiamento precoce della colonna vertebrale e sulla distruzione dei dischi intervertebrali.

Lesione alla colonna vertebralecarichi di potenza eccessivi possono anche portare all'osteocondrosi della regione toracica.

Disturbi metabolici e circolatori, malattie endocrinecontribuire al deterioramento della nutrizione del disco intervertebrale. Ciò porta allo sviluppo dell'osteocondrosi.

Sovrappesoin generale, influisce negativamente sulla condizione di organi e tessuti. Un aumento del carico costante sulla colonna vertebrale e uno stile di vita sedentario sono fattori nella comparsa dell'osteocondrosi toracica.

Primi segni e principali sintomi

  • Il dolore alla schiena nell'area delle scapole è il sintomo principale e uno dei primi segni di osteocondrosi toracica. Sono caratteristici dolori doloranti e sordi, che sono aggravati dal movimento e dalla respirazione. Il dolore può essere alla cintura e peggiorare durante la notte.
  • Dolore nella regione del cuore. L'osteocondrosi della regione toracica può causare dolori acuti e brucianti a sinistra dello sterno, come nell'angina pectoris e nell'infarto.
  • Intorpidimento, sensazione di freddo, formicolio, prurito alla schiena e agli arti.
  • Mal di stomaco. L'osteocondrosi toracica è spesso mascherata da sintomi che, a prima vista, non sono affatto associati alla malattia. Ad esempio, se è interessata la parte superiore della colonna vertebrale toracica, il dolore si verifica nella faringe e nell'esofago, una sensazione di nodo alla gola. La parte centrale della regione toracica è caratterizzata da dolore nell'ipocondrio destro, simile a un sintomo di malattie del pancreas. Nella regione toracica inferiore, si verifica dolore, come con una violazione della funzione intestinale.

Fasi dell'osteocondrosi della regione toracica

Per l'osteocondrosi della regione toracica, sono caratteristici quattro stadi di sviluppo.

Primo stadio.Inizialmente, il disco intervertebrale perde la sua fermezza ed elasticità. Possono comparire disagio, disagio, dolore in determinate posizioni del corpo e movimenti.

Seconda fase.Appaiono crepe nel disco intervertebrale. Inizia il processo di formazione dell'ernia. I muscoli possono subire spasmi a causa della compensazione dell'instabilità della colonna vertebrale toracica. Ci sono forti dolori al petto, agli arti, alla schiena.

Terza tappa.A causa della violazione dei dischi intervertebrali, appare un'ernia. Può comprimere le radici spinali e i vasi sanguigni. Il dolore diventa costante, intenso, può essere doloroso o intensificarsi con il movimento.

Fase quattro.Nel disco intervertebrale, il tessuto cartilagineo viene sostituito con tessuto osseo, il disco non è più in grado di svolgere la sua funzione di assorbimento degli urti. È possibile la formazione di escrescenze ossee sulla superficie del disco intervertebrale (osteofiti). L'osteocondrosi può diffondersi ai dischi adiacenti. A causa del forte dolore e della mobilità limitata nella colonna vertebrale toracica, la qualità della vita è significativamente ridotta. Il deterioramento della condizione può portare alla disabilità.

varie fasi dell'osteocondrosi mammaria

Diagnostica

Spesso, l'osteocondrosi toracica non viene rilevata immediatamente a causa di sintomi vaghi, quindi c'è un alto rischio di impostare inizialmente una diagnosi errata.

Se hai dolori al petto, alla schiena, che compaiono durante la respirazione, consulta prima un cardiologo e un neurologo. Quando il cardiologo ha escluso le malattie cardiache, il neurologo prescriverà una diagnosi. Se si sospetta l'osteocondrosi, per confermare la diagnosi vengono utilizzati raggi X, imaging computerizzato e risonanza magnetica.

Radiografia.Aiuta a valutare solo le condizioni delle strutture ossee, i tessuti molli e la cartilagine non vengono visualizzati nelle immagini. Per visualizzare queste strutture, viene iniettato un mezzo di contrasto: angiografia, discografia, mielografia.

Tomografia computerizzata (TC).Anche questo metodo utilizza il principio della radiografia, ma con l'aiuto dell'elaborazione al computer è possibile ottenere una serie di immagini di sezioni longitudinali e trasversali, sulle quali è possibile vedere tessuto osseo e cartilagineo.

Risonanza magnetica per immagini (MRI).È il "gold standard" nella diagnosi dell'osteocondrosi, perché consente di studiare in dettaglio non solo il danno alle ossa, ma anche i tessuti molli circostanti.

Trattamento dell'osteocondrosi della colonna vertebrale toracica

Nel trattamento dell'osteocondrosi della colonna vertebrale toracica vengono solitamente utilizzati metodi conservativi. Questi sono farmaci e terapia fisica. In casi estremi, viene eseguito un trattamento chirurgico.

Metodi non chirurgici per il trattamento dell'osteocondrosi

Il trattamento dell'osteocondrosi è un processo lungo e complesso. Devi essere paziente. Il trattamento conservativo include sia metodi terapeutici che cambiamenti nello stile di vita.

L'enfasi principale è sull'eliminazione del dolore, sull'alleviamento dell'infiammazione, sul ripristino delle funzioni delle radici spinali, sul rafforzamento del corsetto muscolare e dell'apparato legamentoso.

Il sollievo dal dolore si ottiene con i farmaci. La terapia farmacologica viene eseguita durante un'esacerbazione della malattia.

Il trattamento non chirurgico complesso comprende varie procedure fisioterapiche volte ad avviare il processo di auto-guarigione del corpo. I meccanismi di difesa localizzano e reintegrano le funzioni disturbate a seguito del processo patologico.

Il recupero avviene gradualmente, quindi non dovresti aspettarti un effetto rapido. Lo sviluppo dell'osteocondrosi della colonna vertebrale toracica è stato lungo e il suo trattamento richiede tempo.

FisioterapiaÈ un trattamento basato su fattori fisici naturali e ricreati artificialmente (freddo, calore, corrente elettrica, radiazione magnetica, laser, ecc. ). In fisioterapia vengono utilizzati dispositivi speciali, dispositivi, tecniche manuali.

Kinesioterapia- terapia del movimento. Può essere attivo (terapia fisica) e passivo (massaggio, trazione). La terapia del movimento è adattata alle caratteristiche individuali del paziente ed è progettata per rafforzare la struttura muscolare della schiena. Lo stretching allevia il dolore e la tensione muscolare.

Terapia manuale e massaggio- metodi per influenzare i tessuti molli, le articolazioni al fine di ripristinare il tono muscolare. Ripristinano efficacemente la mobilità e alleviano il dolore.

Taping, kinesio taping- un metodo per posizionare speciali cerotti elastici sulla pelle nei punti in cui è necessario agire sui recettori per lo stiramento e la contrazione dei muscoli. Un modo per rilassare o aumentare il tono muscolare.

Terapia laser (terapia della luce)- attivazione biologica dei processi di rigenerazione del disco intervertebrale. Vengono avviati i processi di rigenerazione e ripristino dei tessuti.

Plasma terapia (prp-terapia)- iniezioni del proprio plasma purificato. L'immunità locale aumenta, i processi di rigenerazione vengono avviati.

Riflessologia, agopuntura, agopuntura- stimolazione delle terminazioni nervose con aghi speciali. Il metabolismo delle aree colpite migliora, il paziente si libera del dolore.

Terapia con onde d'urtoutilizza onde ad altissima frequenza, che provocano risonanza nei tessuti del corpo. Consente di avviare processi naturali di recupero.

A volte viene utilizzato un corsetto ortopedico. Se i muscoli non sono sufficientemente sviluppati, il corsetto compensa parzialmente il carico sulla colonna vertebrale e allevia la condizione acuta.

È importante cambiare lo stile di vita di una persona, aggiungere attività fisica e una dieta equilibrata. L'effetto positivo del trattamento conservativo si ottiene in 2-3 mesi. Se tale trattamento è inefficace, viene eseguito un trattamento chirurgico.

Metodi chirurgici per il trattamento dell'osteocondrosi

L'operazione in caso di osteocondrosi della colonna vertebrale toracica è una misura estrema. L'intervento neurochirurgico richiede indicazioni speciali. Molto spesso, l'operazione viene eseguita in casi estremamente difficili che minacciano la vita del paziente. Se la sindrome del dolore non risponde al trattamento terapeutico, con l'aumento della mobilità ridotta, l'ernia viene rimossa. Le complicazioni sono possibili durante e dopo l'operazione. La riabilitazione postoperatoria comprende metodi di terapia conservativa e ortopedia e può richiedere un periodo indefinito.

È importante ricordare che in assenza di un trattamento adeguato, le malattie degenerative del sistema muscolo-scheletrico possono portare alla disabilità. Il dolore può diventare cronico, l'osteocondrosi si diffonde a diverse parti della colonna vertebrale. La prevenzione tempestiva dei sintomi e il trattamento dell'osteocondrosi toracica nelle fasi iniziali possono prevenire l'ulteriore sviluppo della malattia.

Profilassi

La prevenzione dell'osteocondrosi toracica dovrebbe essere iniziata anche nell'adolescenza, quando si forma l'apparato osteocondrale e compaiono deviazioni dalla norma sotto forma di scoliosi. Lo sviluppo fisico durante questo periodo è importante, ma senza sovraccarico. I carichi equilibrati su tutti i gruppi muscolari e lo sviluppo della coordinazione sono le principali raccomandazioni.

Con lo sviluppo della malattia con l'età, è necessario prestare attenzione alle attività sportive, ma senza un intenso allenamento di forza. Il nuoto è considerato il tipo ottimale di attività fisica.

I medici della clinica ti aiuteranno a scegliere un programma di recupero.

I medici della clinica conducono consultazioni preliminari gratuite. Valutano le condizioni della colonna vertebrale utilizzando scansioni MRI, segnalano la probabilità di riassorbimento e la possibilità di trattamento.